For all lovers

 

” Possiate Voi disimparare le vie del non-amore,

vivendo ogni istante con il vostro amato come se fosse l’ultimo,

concepite l’amore come un dono della Vita,

una danza dell’anima nel Continuo Infinito Presente”.

“L’amore ti dona la prima intuizione dell’eternità. L’amore è l’unica esperienza che trascende il tempo: ecco perchè gli amanti non hanno paura della morte. L’amore non conosce morte alcuna. Un solo istante d’amore è più che un’eternità.”

Osho

Annunci

L’eternità

“Uno spazio

che non ha confini,

un giorno

che non ha tramonto,

una vita

che non ha fine.

Questa è l’eternità,

il secolo attraversato dalle rivoluzioni,

l’anno smarrito nelle agende del cosmo,

la stagione tra la semina e la raccolta,

il mese dei sogni infantili,

la settimana dei viaggi improvvisi,

l’ora della passione tra lenzuola di seta,

il minuto in cui gli occhi si specchiano nell’Altro,

il secondo in cui un raggio di sole sfiora il viso di una donna,

che, col capo volto all’insù, osserva il volo di due gabbiani

sulle sponde di un lago

adombrato da un cielo plumbeo.”

Irene Belloni

 

Il viaggio non finisce mai

“Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l’ombra che non c’era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. Il viaggiatore ritorna subito.”

José Saramago

Diventa l’amare

 

“L’amore dischiude l’infinito, l’eternità dell’esistenza.

Perciò, se hai mai amato, si può fare dell’amore una tecnica di meditazione. La tecnica è

questa: “Mentre vieni accarezzata, dolce principessa, entra in quella carezza come vita

eterna”. Amando, non restare in disparte; ama e spostati nell’eternità. Quando ami

qualcuno, sei forse lì in quanto amante? Se tu ci sei nel tempo e l’amore è falso,

solamente una finzione. Se ci sei ancora e riesci a dire: “Io sono”, puoi essere fisicamente

vicino, ma spiritualmente sei all’estremo opposto. Quando sei innamorato, il tu non ci deve

essere; solo l’amore, solo l’amare. Diventa l’amare. Mentre accarezzi la persona amata,

diventa la carezza; mentre baci, non essere colui che bacia o colei è baciata: sii il bacio!

Dimenticati completamente dell’ego: dissolvilo nell’atto, trasferisciti nell’atto così

profondamente da annullare colui che agisce. Se non riesci a trasferirti nell’amore, ti sarà

difficile trasferirti nel mangiare o nel camminare, molto difficile, perché l’amore è

l’approccio più facile per dissolvere l’ego. Ecco perché coloro che sono egoisti non

possono amare: possono parlare d’amore, possono cantarlo, possono scriverne, ma non

possono amare. L’ego non può amare! Shiva dice di diventare l’amare. Quando sei

nell’amplesso, diventa l’amplesso, diventa il bacio. Dimenticati di te stesso così totalmente

da poter dire: “Io non esisto più. Esiste solo l’amore”. Allora il cuore non pulsa più, ma

pulsa l’amore. Il sangue non circola più: circola l’amore. Gli occhi non vedono più: l’amore

che vede. Le mani non si muovono per toccare: è l’amore che si muove per toccare.

Diventa amore ed entra nella vita eterna. L’amore cambia improvvisamente la tua

dimensione: sei gettato fuori dal tempo e sei faccia a faccia con l’eternità. L’amore può

diventare una meditazione profonda possibile. E, a volte, gli amanti hanno conosciuto ciò

che neanche i santi hanno conosciuto, hanno toccato quel centro che molti yogin hanno

mancato. Ma sarà solo una visione fugace, a meno che non trasformi il tuo amore in

meditazione. Il Tantra intende proprio questo: la trasformazione dell’amore in meditazione.

Ora puoi capire perché il Tantra parla tanto dell’amore e del sesso. Come mai? Perché

l’amore è la soglia più naturale e più facile da cui trascendere questo mondo, questa

dimensione orizzontale. Guarda Shiva con la sua consorte Devi. Guardali! Non sembrano

essere due: sono tutt’uno. L’unità è così profonda che è andata a finire persino nei simboli.”

Osho Il libro dei segreti