La cattedrale di Chartres

La cattedrale di Chartres sorge su un luogo con una particolare conformazione geologica, poiché si tratta di un poggio di granito situato in una piana di pietra calcarea: siamo in presenza di una polarità calcare-granito, presente tra l’altro in altri luoghi sacri, come Carnac e Stonehenge. Infatti camminando sul calcare sentiamo più fatica, come se […]

via Virgo Pariturae — il terzo orecchio

Due donne che sono una

“Chiunque si accosti a una donna, si trova in effetti in presenza di due donne: un essere esterno e una creatura interiore, una che vive nel mondo di sopra e una che vive in un mondo non facilmente visibile. L’essere esterno vive alla luce del giorno ed è facile osservarlo. E’ spesso pragmatico, acculturato e molto umano. La creatura, per contro, in genere sale in superficie arrivando da molto lontano, apparendo e altrettanto rapidamente scomparendo… Queste “due-donne-che-sono-una” sono elementi separati ma congiunti che si combinano nella psiche in migliaia di modi.”
Clarissa Pinkola EstésDSC02902

New edition

IMG_20170304_165759.jpg

“Lei mi ha inseguito metaforicamente e ora, ma chère Alice, si trova nel Paese delle Meraviglie. D’ora in poi niente sarà più come prima”

Vi presento la nuova edizione del romanzo “L’occhio di Horus”.

Casa editrice: White Rabbit Edizioni

 

 

 

La Donna-Sole

Tra gli Aborigeni il Sole era visto come una donna che si svegliava ogni giorno nel suo accampamento a est, accendeva un fuoco, e preparava la torcia di corteccia che avrebbe portato attraverso il cielo. Prima di esporsi, lei amava decorarsi con ocra rossa, la quale, essendo una polvere molto fine, veniva dispersa anche sulle nuvole intorno, colorandole di rosso, (l’alba). Una volta raggiunto l’ovest, rinnovava il trucco, colorando ancora di giallo e rosso le nuvole nel cielo (il tramonto). Poi la Donna-Sole cominciava un lungo viaggio sotterraneo per raggiungere nuovamente il suo campo nell’est. Durante questo viaggio sotterraneo il calore della torcia induceva le piante a crescere.

La Luna, al contrario, era considerato un uomo. A causa dell’associazione del ciclo lunare con il ciclo mestruale femminile, la Luna fu collegata con la fertilità e fu considerata come un simbolo altamente magico. Una eclisse di Sole era interpretata come l’unione tra la Luna-Uomo e il Sole-Donna.

La meditazione nelle scuole

Nei giorni scorsi l’Ufficio Scolastico regionale della Sardegna , l’Ufficio per l’educazione fisica e sportiva e il Comitato Regionale Uisp Sardegna Area Discipline Orientali hanno firmato un protocollo d’intesa per avviare iniziative comuni e proseguire quelle già intraprese, con l’obiettivo di promuovere e sostenere le discipline orientali all’interno delle scuole. Questo protocollo, infatti, sancisce una […]

via * La buona notizia del venerdì: La meditazione entra nelle scuole italiane — Laurin42

Amore

1a79c21918b5775b1a2f0412f9d3e71d

Non preoccuparti del destinatario, tu continua a inviare le lettere d’amore: da qualche parte qualcuno le riceverà…è fantastico pensarlo…è come inviare il messaggio nella bottiglia, una cosa che ho sempre voluto fare: scrivere una lettera d’amore, senza un destinatario preciso, senza che sia per qualcuno in particolare, solo per il piacere di scrivere l’amore! Qualcuno lo riceverà e ne beneficerà!
(Osho)