Bisogna saper oziare

“Non bisogna credere a quel proverbio che recita: “L’ozio è il padre dei vizi”. Deve averlo inventato qualche capitano d’industria allorchè i dipendenti gli chiesero, magari con il cappello in mano come usava fino alla metà del secolo scorso, una riduzione dell’orario di lavoro o condizioni più clementi. O sarà nato nella testa di quegli esseri che non hanno mai particolarmente lavorato e quindi si sono trovati a disposizione tempo per pensare frasi come quella ricordata, che sarebbero durate nel tempo. Ne propongo un’altra: “Diffidate da coloro che non riposano mai”. E’ un monito del cardinale Carlo Maria Martini, una delle autorità spirituali del nostro tempo. Anche se le sue affermazioni ricordate non entrano rigorosamente in contrasto, credo che quella di sua eminenza aiuti a comportarsi meglio. In altre parole: è bene staccare ogni tanto la spina dal turbine del lavoro. Concedersi tempo. Cercare di ritrovare un equilibrio lontano dalle alienazioni che recano i ritmi delle attività, che a volte sono disumani. Bisogna saper oziare. Non siete d’accordo? Potrete anche non fidarmi di me, ma almeno date retta a quanto scrisse quello spirito anarchico (e conservatore al tempo stesso) di Giuseppe Prezzolini ne Il centivio, lui che morì, dopo aver superato il secolo di vita, nel 1982: “Uno dei pregiudizi più ridicoli degli uomini comuni è quello del tempo perso. Nessun tempo è in realtà perso. Le ore di ozio collaborano a formare la nostra personalità come le ore di lavoro, forse meglio.”

La parola otium era fortemente radicata nella coscienza individuale e collettiva degli antichi romani e anche il più semplice dei cittadini dell’Urbe sapeva distinguerla in pratica da negotium. Erano due concetti con un valore totalmente contrapposto. I negotia erano le attività, l’otium indicava il riposo, quel tempo libero destinato alla vita privata o agli studi. Quel dedicarsi a se stessi che è indispensabile in ogni civiltà e tempo. Seneca, uno dei filosofi che meglio di ogni altro ha colto questa dimensione, ha scritto un’opera dal titolo De otio, che talune volte è stata (giustamente) tradotta come La vita ritirata. Anche se il piccolo scritto ci è giunto mutilo, contiene una preziosità sulla quale si dovrebbe riflettere. Il pensatore lo apre con un verbo raffinato, carico di riflessi e di insegnamenti: secedere. Esprime, con una felice sintesi, l’dea del saggio che si rifugia in sè e si stacca dalle folle. Leggiamo nelle prime righe: “Ammesso pure che noi non cerchiamo nent’altro che giovi alla nostra salute, sarà utile, tuttavia, di per se stesso tirarsi in disparte: soli, saremo migliori.” Non si pensi a una scelta antisociale, è un atteggiamento soprattutto della prudenza. Del resto, il filosofo greco Epicuro, che trovò a Roma non pochi estimatori, aveva invitato il saggio, – lo asserisce in un frammento pervenutici – a non prendere parte alla vita dello Stato, “a meno che non intervenga qualche novità straordinaria.” Seneca quasi puntualizza il consiglio per il salutare distacco: “Se lo Stato è troppo corrotto perchè lo si possa soccorrere, se è nelle mani dei malvagi, il saggio non si adopererà invano nè si sacrificherà senza poter essere minimamente utile.” Conviene ripeterlo: secedere. Ritrovarsi. Staccarsi. Volersi bene ogni tanto. ”

Armando Torno Elogio dell’egoismo

Siete divinità…

 

“Guardo negli occhi le persone che incontro sul mio cammino e scorgo in ciascuna una divinità che ha dimenticato il motivo per cui è venuta sulla Terra. Talvolta un piccolo barlume di consapevolezza accende lo sguardo del passante e i sogni dell’infinito vi passano attraverso, illuminando il viso di autentica bellezza. Ma sopra alle teste si erge l’imperitura ombra della paura, tenace battagliera dell’oscurità, che ricerca il ricongiungimento con il piano emotivo. Con un pensiero di sconfitta tutti i condizionamenti mentali che sono stati instillati fin dalla nascita possono riportarci alla realtà illusoria nella quale ognuno ha creato le proprie prigioni. Con un pensiero di gloria possiamo intraprendere una nuova via e abbandonare gli inganni della mente per vivere nell’armonia cosmica”.

Irene Belloni

The river

“A quel punto il fiume mi ha detto:

– Vedi, ogni uomo è come queste pietre. Non stanno ferme perchè pesano di più come la mente ti persuade a credere… L’essere umano è fermo nonostante la corrente del ruscello del Karma che lo porterebbe a muoversi e ad evolvere, perchè dà adito ai veleni della mente che creano una corrente di vento opposto che lo pietrificano nel suo corso. E’ questa la vostra lotta, la lotta con i pensieri che vi lasciano statici nel solito punto…”

Massimiliano Cantone

I desideri

“I desideri sono composti da sottili filamenti energetici la cui forma assomiglia ad un fiore che si schiude. Essi attingono forza dall’elemento Terra, divengono fluidi grazie al contatto con l’elemento Acqua, vibrano nell’etere destando l’attenzione dell’elemento Aria che li trasporta verso il Fuoco Alchemico della realizzazione, racchiuso nel nostro Cuore. La Quintessenza osserva dall’alto il loro lungo peregrinare, le orecchie tese ai sussurri infiniti, lo sguardo serafico volto Altrove”.

Irene Belloni

Confida in te stesso

File:Carl Spitzweg 034.jpg

“Confida in te stesso: ogni cuore vibra a una tale corda di ferro. Accetta il posto che il divino provvedere ha trovato per te, la società dei tuoi contemporanei, la connessione degli eventi. Gli uomini grandi sempre fecero così, e affidarono se stessi fanciullescamente al genio della loro età, testimoniando la loro percezione che l’assolutamente affidabile aveva preso posto nei loro cuori, operando attraverso le loro mani, prendendo possesso di tutto il loro essere”.

Ralph Waldo Emerson