La preghiera del cane

“O mio padrone, tu sei il mio Dio, e come Dio ti prego e ti servo con umiltà.

Dammi il tuo sguardo, la tua parola e il tuo affetto.

Se non ti comprendo, ripetimi il tuo comando, senza ira, e non picchiarmi.

Acqua pura e cibo modesto in vasi puliti sono la mia salute.

Dammi un angolo al riparo dal gelo e dalla pioggia, e che conosca il sole, anche se devo restare legato. Ciò mi basta, e fa che la mia catena sia lunga, e mi permetta il movimento.

Per premio concedimi qualche volta, la libertà fra l’erba che è la mia medicina.

Affidami soltanto alle persone che conosci e che stimi.

Mettimi il nome sul collare e l’indicazione della tua casa, perchè, se io mi smarrissi, possa esserti reso e non finisca in mani spietate.

Non scacciarmi mai se divento malato o vecchio e non ti posso più servire. Se non puoi curarmi o tenermi, procurami tu stesso una buona morte, dopo la tua ultima carezza. ”

Francesco Siano Rapporti trascendenti tra l’uomo e il cane

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...